Le scarpe di René Caovilla: ai piedi dell'arte

giovedì 23 settembre 2021

René Caovilla

La città più bella del mondo e il brand di scarpe da donna più affascinante del panorama internazionale: tra Venezia e René Caovilla c'è un legame storico indissolubile.

Caovilla nasce nel 1934 a Fiesso d'Artico, sulla Riviera del Brenta, per opera di Edoardo Caovilla, che apre lì - a pochi chilometri da Venezia - il suo laboratorio artigiano di scarpe di lusso.

René Caovilla

Quella micro impresa diventerà il marchio di moda di calzature femminili più longevo in assoluto, con una capacità creativa nel tempo di quattromila modelli registrati nel proprio archivio.  

Negli anni '50 il figlio di René, Edoardo, dopo un'importante esperienza alla scuola di design di Parigi, prende il mano le redini dell'azienda di famiglia, contribuendo in maniera decisiva alla sua affermazione internazionale.

Stile e tradizione, artigianalità e tecnologia, macchinari moderni e antiche tecniche manuali di decorazione e ricamo.

René Caovilla

Caovilla diventa l'archetipo della scarpa opera d'arte, prezioso mix di stile, design, pietre decorative, svolazzo prezioso.

Cresce la capacità produttiva, ma rimane inalterata la cura: ogni artigiano porta la scarpa terminata al controllo qualità.

Le scarpe gioiello di Caovilla si impongono in tutto il mondo come prodotto esclusivo, must assoluto dell'immaginario femminile.

René Caovilla

First Lady e attrici internazionali calzano le più esclusive creazioni dell'atelier veneziano.

Nel 1975 nasce vede la luce una delle creazioni più iconiche di Caovilla: il sandalo Snake, con le spire tessili e sottili che si avviluppano elegantemente sulla caviglia. Una scarpa che finisce addirittura esposta al museo d'arte contemporanea MoMa di New York.

René Caovilla

E' invece degli anni '80 l'idea innovativa di uno stivale che si fa calza da infilare con la stessa morbidezza.

Nel decennio successivo, Caovilla porta tutto l'allure delle sue creazioni più estrose anche sulle suole basse di ballerine e sandali, senza minimamente rinunciare alle sue inconfondibili e sofisticate linee.