BENVENUTO| WELCOME | 歡迎

Astrua Magazine

Il CONCEPT ASTRUA TORINO

Torino per Astrua non è un luogo, non è neppure "solo" la storia, tanto meno un negozio. E' un vero e proprio mondo per tutta la gamma delle eccellenze offerte, per la loro collocazione spazio-temporale, in una sorta di casa-museo aperta agli affezionati.

E' il frutto di una tradizione che è sinonimo di inappuntabilità e di una prospettiva, visto che, come ha affermato Carolyn Christov-Bakargiev ( nuovo direttore della GAM e del Castello di Rivoli) "il futuro sta nel radicamento del territorio". Vale per l'arte ma anche per l'alto artigianato che nei suoi picchi più illuminati ed esclusivi diventa vera e propria espressione creativa.

ASTRUA TORINO - Sfoca la demarcazione tra dentro e fuori la sede di Torino lasciando intravedere tutte le tematiche racchiuse e creando una sorta di tutt'uno tra contenitore e contenuto cercando di far collidere al contempo le due identità e le due anime di Astrua: la relazione diretta con la storia dell’orologeria e l’innovazione dell’alta gioielleria. Un tentativo dialogico oscillante tra tradizione e modernità, tra antichi mestieri e tecnologia spinta.

Già le ampie vetrine incorniciate dai colori del brand lasciano schiudere le storiche scatole color rame e color bronzo per rivelare le famosissime marche di cui Astrua è fedele concessionaria e i gioielli, diventati essi stessi parte integrante della storia, espandendosi via via con gli accessori per un lifestyle di vero lusso.

Un approdo che punta alla bellezza, al solleticare i cinque sensi, ben lontano dalla semplice rappresentanza. Al primo colpo d'occhio è un mix straordinario di cromie custom made visionabili già entrando nella bussola in cristallo dall'evocativo ingranaggio dorato che ruota a vista sotto i piedi. Questo è quanto basta non per stupire, perché quello è il passo immediatamente successivo, ma per varcare la soglia di Astrua Torino, dove il rito del sedersi sul divano o in poltrona riassume le antiche connotazioni simbolico-antropologiche di accoglienza. Una scia luminosa conduce agli altri spazi, dove è dato largo uso agli specchi, intesi nel significato prezioso dell’arte tipica veneziana, mentre la moquette avvolge il passo e le pareti effetto délabré spatolato oro si fondono con le calde tonalità tabacco, cognac e cenere impreziosite da giochi di luce a valorizzare le colonne in pietra e le antiche soffittature.

 

Un salotto azzarderemmo perché straordinariamente vivo, celebrazione del lavoro e del lusso artigiano come si vede anche al piano sottostante dove è gelosamente conservato il banco da lavoro di VALTER FRANCO RICCI, da cui tutto è partito.

La serietà filologica passa attraverso la storia e si irradia al futuro anche tramite nuove tecnologie. E’ il caso dell'ultimo sistema di sicurezza, cernita e proposizione al pubblico degli orologi con un gestionale ad hoc collegato ad un magazzino robotizzato in grado di selezionare il modello desiderato e trasportarlo in tempi brevissimi, nella famosa scatola che regala istanti preziosi di felicità da ben 156 anni attraverso nove torrette schermate da vetri in nuance con l’ambiente. Un modello funzionale e moderno che ha destato la curiosità e l’interesse della stesse maison, continuando ad intrecciare il nome di Astrua con le case orologiere più celebrate al mondo.

Giulia Cassini

LE SEDI
Le nostre sedi:
NEWSLETTER
La nostra newsletter per rimanere sempre aggiornati
SOCIAL NETWORK
Seguici anche su: